SS 284: lunedi non sarà rimosso lo spartitraffico nel tratto di Biancavilla

0
2547
Pubblicità

Lo spartitraffico presente sulla Statale 284, nel tratto ricadente nel territorio di Biancavilla, non sarà rimosso; o almeno per il momento. L’ANAS avrebbe deciso di sospendere la rimozione dopo le numerose pressioni giunte da più parti sia dalla politica ma anche dai cittadini che in quel cordolo centrale, realizzato nel 2007, vedono una garanzia in termini di sicurezza stradale come in tutti questi anni è stato dimostrato con l’azzeramento di incidente frontali e mortali che, invece, prima dell’installazione dello stesso spesso si verificavano. Ieri Video Star aveva già annunciato la possibile decisione da parte di ANAS di rinviare i lavori di rimozione dello spartitraffico già fissati per lunedi 31. Anche se ufficialmente ANAS al momento non ha comunicato la sospensione dei lavori (e resta il comunicato ufficiale con il quale si annunciano i lavori di rimozione a partire da lunedi 31) da quanto appreso da Video Star lunedi gli operai non inizieranno a smontare il cordolo. In settimana si dovrebbe tenere una riunione a Catania fra tutte le parti interessate tra le quali: ANAS, Amministrazione comunale di Biancavilla e Polizia Stradale davanti al Prefetto per decidere tutti insieme sulla questione. Lo ricordiamo ieri dopo la notizia diramata da Video Star, in merito l’intenzione di ANAS di rimuovere lo spartitraffico, in tanti si sono mossi affinchè questo non avvenisse. I Consiglieri Comunali di maggioranza di Biancavilla, il Sindaco Antonio Bonanno, l’ex deputato regionale Nino D’Asero (uno dei fautori che ha permesso nel 2007 l’installazione dello spartitraffico) si sono rivolti tutti al Prefetto di Catania e ai vertici dell’ANAS per chiedere di non intraprendere l’azione di rimozione dello spartitraffico. Dura presa di posizione anche da parte di cittadini e automobilisti che attraverso i social hanno manifestato il loro disappunto.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here