Randazzo: i Carabinieri scoprono piantagioni di marijuana, due arresti

0
1070
I Carabinieri della Compagnia di Randazzo, coadiuvati dallo Squadrone Eliportato Cacciatori di Sicilia e dal Nucleo Cinofili di Nicolosi, nei giorni scorsi hanno battuto palmo a palmo alcune zone di campagne scoprendo una piantagione di marijuana. A finire in manette, in flagranza, un 29enne del posto, con l’accusa di coltivazione e detenzione illecita di sostanze stupefacenti. A seguito di perquisizione eseguita all’interno di un fondo agricolo di proprietà del giovane randazzese, ubicato in contrada Fortino a Mojo Alcantara (in provincia di Messina), i militari hanno scoperto una maxi piantagione, organizzata in serre, composta da 3.500 piante di canapa indiana di varia metratura. Le operazioni, estese anche alla residenza e ad altri immobili di pertinenza del 29enne, ubicate a Randazzo in contrada Calderara e via Cellini, hanno consentito di rinvenire e sequestrare oltre un chilo di marijuana, diversi bilancini elettronici di precisione e materiale comunemente utilizzato dagli spacciatori per confezionare le dosi di stupefacente da porre in vendita. I Carabinieri hanno anche tratto in arresto un 30enne, sempre di Randazzo, accusato anch’egli di coltivazione e detenzione illecita di sostanze stupefacenti. Nell’abitazione del pusher sono stati rinvenuti e sequestrato oltre 700 grammi di marijuana, diverse piante di canapa indiana e lampade e specchi utilizzati per la coltivazione indoor. I due arrestati sono stati posti agli arresti domiciliari.
Inoltre i Carabinieri hanno scoperto un’altra piantagione di canapa indiana in contrada Dagala Longa a Randazzo. Rinvenuti e sequestrati, accuratamente occultati tra la vegetazione, 250 bicchierini in plastica con del terriccio e dei germogli di canapa indiana, conservati all’interno di un piano rialzato in legno ma anche taniche d’acqua, un serbatoio da 1.000 litri e sacchi di terriccio accuratamente accatastati, tutto accuratamente mimetizzato tra la vegetazione.
Poi sono stati scovati, grazie al fiuto del Labrador “Ivan”, nei pressi della vecchia Stazione San Teodoro (della linea Randazzo – Mojo Alcantara), ben nascosti all’interno dei muretti a secco, 3 recipienti in vetro contenenti complessivamente circa 400 grammi di Marjuana. Quest’operazione antidroga messa a segno dai Carabinieri è avvenuta a pochi giorni di distanza dall’arresto di un uomo che, per evitare di essere trovato in possesso della droga, alla vista dei militari, ha ingoiato diversi grammi di cocaina contenuta all’interno di un preservativo.

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here