Ragalna: 82enne indagato a piede libero per il tentato omicidio di un 47enne

0
502

È stata celebrata stamani al Tribunale di Catania davanti al GIP Carlo Cannella l’udienza di convalida per l’82enne cacciatore residente a Ragalna che all’alba dello scorso 31 ottobre avrebbe colpito con un colpo d’arma da fuoco, un fucile, un 47enne a seguito di un alterco. Al centro della lite, prima verbale, poi sfociata in un vero e proprio scontro fisico ci sarebbe una questione di possesso del territorio per cacciare. In pratica il 47enne avrebbe mostrato una certa riluttanza sulla presenza del pensionato che stava cacciando nei pressi del proprio terreno; tutto il contrario invece quello che supponeva il presunto aggressore, il terreno a detta sua non sarebbe stato di proprietà del 47enne. Da lì, la violenta diatriba verbale finita con il colpo d’arma da fuoco: l’82enne avrebbe prima sparato un colpo in aria a scopo intimidatorio, poi lo scontro e un secondo sparo finito dritto all’addome del 47enne che nonostante la profonda ferita è riuscito a strappargli l’arma e recarsi nella caserma dei Carabinieri di Ragalna. L’82enne dopo essere stato rintracciato dai militari dell’Arma è stato posto agli arresti domiciliari per tentato omicidio. Stamani, come detto, nel corso dell’udienza di convalida alla presenza tra gli altri del legale difensore dell’82 Vittorio Carone, è stata rigettata la richiesta di arresti domiciliari. L’82enne resta dunque indagato per tentato omicidio ma a piede libero. Intanto le condizioni di salute del 47enne sarebbero ancora gravi e resta ricoverato al Policlinico di Catania.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here