Biancavilla: panchine “parlanti” contro la violenza sulle donne

Da installare nei punti frequentati maggiormente dalle donne

0
129
Pubblicità

“In occasione della prossima giornata internazionale contro la violenza sulle donne che sarò il 25 novembre, chiediamo all’Amministrazione comunale l’installazione delle cosiddette panchine parlanti contro la violenza sulle donne”. In sintesi è questo il contenuto di una mozione protocollata questa mattina al comune di Biancavilla da parte di alcuni consiglieri comunali. L’idea è del consigliere Antonio Bonanno ma è stata sottoscritta anche dai suoi colleghi Rosanna Bonanno, Maria Rorita Zammataro, Agatino Neri, Marco Cantarella, Fabrizio Portale e Giuseppe Stissi. A condividerla anche il Presidente dell’Assise, Martina Salvà anche se non firmataria per il ruolo che ricopre. Nella mozione si legge: “Premesso che, in queste ultime settimane la violenza sulle donne è in aumento, fatto che in una società civile non può essere tollerato; abbiamo visto in questi giorni anche immagini di violenza che giungono dall’Afghanistan in cui la donna deve rimanere chiusa e reclusa al mondo; non per ultime, le tragiche vicende che hanno interessato alcuni comuni siciliani, ove hanno perso la vita delle giovani donne. È nostro dovere cercare di sensibilizzare la cittadinanza contro i femminicidi e contro ogni forma di violenza, con iniziative volte all’informazione, alla conoscenza del fenomeno e a far diffondere il messaggio che si può e si deve uscire dal tunnel dei maltrattamenti”. Ecco quindi l’idea di installare le “Panchine parlanti” ovvero panchine che dovranno riportare la frase di Isaac Asimov “La violenza è l’ultimo rifugio degli incapaci” e il numero antiviolenza 1522, oltre al disegno di un posto occupato da una donna che, purtroppo, non c’è più. Nella mozione si specifica che sarà cura dell’Amministrazione comunale l’individuazione e la collocazione delle panchine ma che dovrà tenere conto dei posti maggiormente frequentati dalle donne, privilegiando le zone in prossimità di scuole e parchi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here