Biancavilla: la chiesa Madre chiusa dopo il terremoto, il parroco pensa ad una possibile soluzione

0
2029
Pubblicità

La chiesa Madre di Biancavilla, “Santa Maria dell’Elemosina”, è chiusa dal giorno in cui si è verificato il terremoto. Era il 6 ottobre. Il sisma ha provocato crepe all’interno della Basilica e quindi si è resa necessaria la chiusura. Lo Stato, per voce del vice Premier, Luigi Di Maio, ha promesso lo stanziamento di somme necessarie al ripristino dei luoghi danneggiati dal terremoto: scuole, case e chiese. Al momento, a distanza di oltre un mese tutto tace. Ed è per questo motivo che il prevosto-parroco don Agrippino Salerno starebbe pensando di accendere un mutuo per ovviare alla lunga burocrazia ed avere la certezza dell’avvio dei lavori di ripristino.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here