Belpasso: scoperta fabbrica di falsi “THUN”, denunciate madre e figlia

0
2591

I Carabinieri della Stazione di Belpasso hanno scoperto una fabbrica di falsi prodotti “THUN” e denunciato due persone: una 56enne, già gravata da precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, e la figlia di 24 anni, entrambe del posto, con l’accusa di contraffazione, alterazione o uso di marchi o segni distintivi ovvero di brevetti, modelli e disegni e per ricettazione in concorso. A seguito di attività investigativa, i militari hanno individuato il laboratorio artigianale all’interno del quale le due donne riproducevano illegalmente gli oggetti della nota azienda con sede a Bolzano, in violazione dei diritti di proprietà intellettuale ed industriale. I carabinieri, perquisendo i locali, hanno rinvenuto e sequestrato: 2 fogli di carta, tipo libro mastro, contenente la lista degli ordini da spedire con relativo numerico e importo; 18 bigliettini con il logo del marchio; 232 stampi in silicone per la produzione di prodotti identici ai prodotti originali; 204 prodotti, ancora grezzi, equivalenti ai prodotti dell’azienda; 508 prodotti uguali ai prodotti originali; 1 contenitore di gomma siliconata per la realizzazione di stampi; 1 scatola contenente materiale di vario genere per realizzare e decorare i prodotti; 1 tablet e 1 smartphone utilizzati dalle donne per la commercializzazione dei prodotti. Da una prima perizia eseguita da un esperto incaricato dall’azienda è stato accertato che “Gli articoli sequestrati riproducono gli stessi soggetti, nonché le stesse soluzioni artistiche, stilistiche, gli stessi richiami simbolici e concettuali univocamente riconducibili alla THUN e protetti dai depositi e dalle corrispondenti registrazioni per modello industriale nazionale, comunitario e internazionale”.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here