Adrano: si sente male e chiama il 118, l’ambulanza giunge sul posto non riceve risposta dall’abitazione della donna e se ne và. A trovarla morta è poi il nipote

0
2224
Pubblicità

Si stava preparando per andare a trovare il marito, ricoverato in ospedale. Stava aspettando il nipote che da li a poche ore l’avrebbe raggiunta per accompagnarla. E invece non è andata così. Una 54enne è stata rinvenuta senza vita poco dopo le 12 di oggi nella sua abitazione di via Catania ad Adrano. Quello che è per il momento sotto gli occhi degli inquirenti, che si sono recati poi sul posto, è solo una telefonata al 118 che la donna alle 10.54 minuti ha effettuato dal suo telefono cellulare. Probabilmente in quegli istanti la donna stava avvertendo un malessere che le è costato caro e non le ha dato scampo. L’ambulanza dopo poco è giunta sul posto e nel palazzo del civico fornito dalla donna i sanitari hanno iniziato a citofonare tutti. L’unica persona che non avrebbe risposto sarebbe stata proprio la 54enne, dalla sua abitazione si udiva solo l’abbaio di un cane. Dalle dichiarazioni rese dai familiari sembrerebbe che nessuno dei sanitari si sia premurato di verificare il motivo per il quale da quel secondo piano non arrivassero segnali e che quindi abbia fatto dietro front. A fare poi la triste scoperta è stato proprio il nipote, colui il quale l’avrebbe dovuta accompagnare dal marito in ospedale. L’uomo era stato allertato dalla sorella della vittima, in apprensione dato che non riusciva a mettersi in contatto. Quando il nipote è entrato in casa la zia era già senza vita. L’unico indizio un misuratore della pressione che si trovava sul tavolo. Probabilmente la donna questa mattina si sentiva poco bene, aveva preso lo sfigmomamometro intenzionata a misurare la pressione e aveva allertato l’ambulanza. Ma tutto è stato inutile. Sul posto si è recata la Polizia del locale Commissariato per cercare di comprendere l’esatta dinamica della vicenda. Nell’appartamento di via Catania, intanto, si sono recati anche 3 medici legali dell’Università degli Studi di Catania che hanno eseguito un’ispezione cadaverica. Sotto shock parenti e i vicini. La salma per ulteriori accertamenti è stata trasportata al Policlinico di Catania a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here