SS 121: tragedia all’alba, morti quattro giovani in un incidente stradale, la Procura apre un’indagine

0
49162
Da queste immagini si intuisce subito che si tratta di una tragedia. L’ennesima verificatasi sulla Statale 121 e precisamente all’altezza di Piano Tavola in territorio di Belpasso. Era ancora buoi, circa le 4:30, e in un incidente stradale autonomo hanno perso la vita quattro giovani: due ragazzi e due ragazze, (due minorenni e due maggiorenni) ferito il conducente della macchina, una Seat Leon. Sono tutti di Adrano. Le vittime sono Erika Germanà Bozza di 15 anni, Manuele Petronio di 17, Salvatore Moschitta di 20 anni e Lucrezia Diolosà Farinato di 28 quest’ultima convivente del conducente della macchina rimasto ferito. Dai primi rilievi sembrerebbe che il conducente dell’auto, un 40enne, stesse proseguendo ad alta velocità, in direzione Adrano, e ad un certo punto, per cause da accertare, ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere violentemente, contro l’attenuatore d’urto, cioè quel pezzo di triangolo di guardrali che delimita la carreggiata della Statale con la rampa di accesso che immette sul ponte. L’impatto è avvenuto con la macchina giunta in maniera laterale ed è stato talmente forte che ha spezzato l’auto in due parti: la parte posteriore è balzata al di là della recinzione laterale destra finendo sulle rotaie della vicina ferrovia mentre la parte anteriore ma proseguito la corsa fermandosi a circa 40 metri sulla rampa. Detriti ovunque. I corpi sono stati sbalzati dall’abitacolo e riversi a terra. Per i quattro non c’è stato nulla da fare, sono morti sul colpo. Il conducente è stato trasportato con un’ambulanza del 118 al Cannizzaro di Catania per essere sottoposto ai dovuti accertamenti. È ricoverato nel reparto di ortopedia per la frattura di una caviglia. Ha riportato anche diverse contusioni ed escoriazioni in varie parti del corpo. Le sue condizioni non sarebbero gravi. Sul posto oltre al personale medico del 118 presente con diverse ambulanze, i Vigili del Fuoco, i Carabinieri della Stazione di Belpasso e del Nucleo Operativo della Compagnia di Paternò che hanno il compito di ricostruire l’esatta dinamica dell’accaduto. Tra le cause non si esclude un sorpasso azzardato. I 5 stavano rientrando ad Adrano dopo una serata passata in discoteca al Acicastello e alle 4:30 circa è avvenuto l’incidente. Appena si è alzato il sole la comunità di Adrano ha appreso la notizia rimanendo sconvolta. Da lì a poco l’arrivo dei parenti delle vittime tra le urla strazianti. Intanto quel che resta della macchina è stato posto sotto sequestro e la Procura di Catania, dopo aver ricevuto la relazione dal Carabinieri di Paternò, ha aperto un’inchiesta sull’incidente ipotizzando il reato di omicidio stradale. Il tratto di strada in questione è rimasto chiuso al transito sino alla rimozione dei corpi e al ripristino delle condizioni di sicurezza per la percorribilità viaria. L’incidente è avvenuto nell’esatto punto dove lunedi scorso è morto il 65enne di Motta Sant’Anastasia, Antonino Crisafulli e rimasta ferita la moglie sempre in un incidente stradale autonomo. La coppia viaggiava con una Fiat Punto è l’impatto è avvenuto proprio nella stessa porzione di guardrail.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here