Biancavilla: stress e tensione tra gli automobilisti, ingorghi in ogni angolo

1
1248

La cattiva abitudine di non rispettare la segnaletica stradale crea quotidianamente ingorghi, traffico e nervosismo. È successo di buon mattino a Biancavilla, negli stessi attimi in due punti della città. In via Vittorio Emanuele e in via Sacro Cuore. Nel primo episodio un cittadino ha pensato bene di fermare la macchina in via Rossini, scendere e fare bancomat nella banca Unicredit che si trova proprio accanto impedendo di fatto la fruizione della strada agli automobilisti che dovevano immettersi da via Vittorio Emanuele su via Rossini. La conseguenza è stata una lunga fila proprio su via Vittorio Emanuele. Si sono registrati momenti di tensione tra gli automobilisti in attesa poichè il responsabile dell’ingorgo continuava a fare bancomat come se niente fosse, incurante dei clacson che continuavano a suonare salvo poi lamentarsi, ad operazione finita, contro chi si “lamentava” ingaggiando anche discussioni accese pretendendo di avere ragione. Dopo lunghissimi minuti tutto si è risolto. L’altro episodio in via Sacro Cuore. Auto sostate in divieto di sosta e di fermata e contro senso proprio difronte la chiesa “Sacro Cuore”, un camion dall’altro lato, e il caos è servito. Anche qui momenti di rabbia, stress e tensione. Ingorgo durato circa 20 minuti. In tutto questo contesto si registra, purtroppo, la totale assenza dei Vigili Urbani.

CONDIVIDI

1 commento

  1. Ed io cosa vi devo dire ,continuamente davanti alla mia saracinesca trovo sempre parcheggiate auto , chi va a comprare le sigarette . o il caffe e farsi la discussione con l’amico. chi insegna alla scuola limitrofa pargheggiando davanti ignorando cartello con passo carrabile , lasdcaire libero il passaggio. e se gli dici qualche cosa magari si incazzano perche’ gli fai spostare l’auto. purtroppo ce troppa incivilta’ e rispetto delle persone altrue. Nel contesto se chiami i vigili o passano si fanno i cavoli loro. Ci dobbiamo rassegnare ?

    io abito in viale dei fiori , capisci l’esasperazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here