Biancavilla: piazza Roma addobbata a festa per il Natale, composizione in via di allestimento

0
766

Montato un grande albero di Natale in piazza Roma a Biancavilla per volere dell’Amministrazione Comunale. La composizione vede anche una grande scritta bianca alla base dell’albero, poggiata su un prato verde, dove si legge “Buone feste”. Allestita, a cura dell’Associazione “Maria Santissima dell’Elemosina”, anche una riproduzione di un’edicola votiva dedicata alla Madonna dell’Elemosina.

Quest’anno, a partire dal 16 dicembre, ogni sera in piazza Roma, alle 19:15, al termine della Santa Messa celebrata nella chiesa Santa Maria del Rosario, dinanzi l’edicola votiva, saranno suonati i tradizionali canti natalizi che caratterizzano la novena di Natale. Il tutto deve ancora essere completato con luci e addobbi che avverrà nelle prossime ore. Riscoprire le tradizioni del Natale di un tempo per custodirle e trasmetterle alle nuove generazioni. È l’obiettivo dei giovani dell’Associazione “Maria SS. dell’Elemosina” che, come detto hanno realizzato una riproduzione del tipico altarino devozionale (“u tareddu”), diffuso in tutto il centro abitato. In particolare, l’edicola votiva, realizzata con gli elementi caratteristici tipici della Biancavilla di fine Ottocento, vede all’interno un’immagine su lamiera della Madonna dell’Elemosina, ispirata all’altarino di via Mongibello.

“U taredddu” verrà pure addobbato come si faceva un tempo con spina santa e frutta di stagione. Per tutti i giorni della Novena di Natale, dal 16 al 24 gennaio, verrà suonata ” come detto a Nuvera”, i canti tradizionali tra cui quelli in dialetto siciliano. A contribuire ai lavori anche alcune botteghe artigianali locali che hanno voluto donare parte del materiale utilizzato. “Vogliamo coniugare le antiche tradizioni con nuove forme di aggregazione – spiega Giuseppe Santangelo presidente dell’associazione “Maria SS. dell’Elemosina” – vogliamo rivivere il Natale di un tempo e aggregare attorno al “tareddu” i fedeli che vorranno aggregarsi per il canto della tradizionale “Nuvera”.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here